Ex area Lebole, Carrara annuncia il via ai lavori di recupero. Ghinelli: "Finalmente!"

. Inserito in Economia

La porta d’ingresso della città, quell’area che per decenni ha ospitato la storica azienda di produzione moda uomo della Lebole e che ha dato lavoro a migliaia di aretine e aretini, sta per cambiare volto. 

In una nota ufficiale, la società Aerre Spa di Marco Carrara annuncia che partiranno presto i lavori di recupero per realizzare il complesso immobiliare con funzioni commerciali, direzionali e di servizi alla persona nell’ex area Lebole

“Il lungo e accidentato percorso amministrativo del Piano di Recupero ex Lebole ha reso difficili i nostri rapporti con i potenziali investitori e ha rischiato di comprometterne la concreta realizzazione poiché il progetto iniziale non era ormai più adeguato alle mutate esigenze e ai mutati assetti organizzativi del settore della grande distribuzione- si legge nella nota. La programmata riqualificazione poteva quindi ormai realmente attuarsi solo introducendo funzioni e dimensioni più coerenti con le esigenze del mercato.

La società nel 2018 ha sottoposto all’amministrazione una proposta di variante che dopo un sereno e costruttivo confronto è stata istruita dal Comune con professionalità ed è stata poi approvata in tempi ragionevolmente rapidi, così consentendoci di avviare (o perfezionare laddove già avviate) serie trattative con gli imprenditori interessati ad una parte dell’insediamento.

Siamo quindi oggi in grado di comunicare ai cittadini di Arezzo che quanto prima, nel rispetto dei tempi tecnici richiesti per la sottoscrizione della convenzione e per il ritiro dei permessi di costruire, daremo inizio ai lavori di realizzazione del complesso immobiliare con funzioni commerciali, direzionali e servizi alla persona e delle correlate opere di urbanizzazione e viarie che ne garantiranno il corretto e proficuo inserimento nel tessuto urbano".

Qualora se ne creassero le condizioni, consci delle difficoltà che ha attraversato e attraversa il settore dell’edilizia, intendiamo privilegiare l’imprenditoria toscana. In questi anni ci sono stati momenti in cui arrendersi pareva la soluzione più logica, ma noi abbiamo sempre tenuto la barra a dritta con perseveranza ed onestà.

Ci auguriamo che la rinascita a nuova vita di un luogo così affettivamente e strategicamente importante, unita a nostre contropartite in opere pubbliche di enorme rilievo per Arezzo, sia vista dai cittadini come un segno di speranza in questi tempi non facili".

 

E in una nota ufficiale, il Sindaco di Arezzo Alessandro Ghinelli commenta:

‘Finalmente’, è quanto viene da dire sorridendo, nel momento stesso in cui Marco Carrara annuncia ufficialmente l’imminente demolizione del vecchio opificio della ex Lebole e l’inizio dei lavori di realizzazione del centro commerciale individuato dal Consiglio Comunale con la variante dell’8 agosto 2018. Vale la pena ricordare come, a fronte di una realizzazione edilizia legata prevalentemente al commercio che ricalca senza grandi variazioni quella che era una scelta proveniente dal passato e confermata da questa amministrazione, ben diverso e più impegnativo è il disegno infrastrutturale da noi voluto. Questo infatti prevede ora la realizzazione del raccordo autostradale, tra area ex Lebole e Centro Affari, con un allargamento a quattro corsie, non interrato ma in quota, secondo un progetto di elevata qualità che consente peraltro una nuova permeabilità stradale tra le due aree dedicate al commercio, agli affari e alle esposizioni.” Così il sindaco di Arezzo Alessandro Ghinelli, che non nasconde la sua soddisfazione: “anche l’assicurazione data da Carrara, circa il fatto che nella scelta delle imprese esecutrici verranno privilegiate quelle toscane, è una conferma che il legame del progetto con il territorio è forte e che su tale presupposto si baserà anche lo sviluppo futuro dell’area.”

Tags: Lebole