Crisi energetica, ad Anghiari tracciate linee d'indirizzo per il risparmio

. Inserito in Economia

Maggini: “Moderare i consumi e investire in efficienza energetica”. 

L’aumento delle tariffe relative ai costi di energia elettrica e gas registrato negli ultimi mesi sta colpendo duramente anche gli enti locali. Il Comune di Anghiari, raffrontando le fatture delle utenze con quelle corrispondenti allo stesso periodo del 2021, ha infatti riscontrato aumenti consistenti - si parla di circa 120.000 in soli cinque mesi -  che verranno in parte coperti dal bilancio, grazie alle variazioni apportate dal consiglio. Per la restante parte invece, l’ente confida nell’intervento centrale del Governo divenuto oramai più che necessario. 

Nel frattempo, al fine di contenere gli aumenti e rendere sostenibile il pagamento di tali fatture per il bilancio comunale, è stato a tal proposito necessario procedere immediatamente all’introduzione di alcune azioni finalizzate alla riduzione dei consumi energetici. 

“Non si può pensare di superare una crisi che affonda nei fondamentali senza agire (nel breve termine) sulla riduzione dei consumi e (nel lungo) sull’aumento dell’offerta, inclusa la produzione di gas nazionale e l’installazione di impianti da fonti alternative – ha spiegato il vice sindaco Claudio Maggini - la nostra amministrazione dal canto suo, ha approvato le linee di indirizzo da attuare in via immediata, stabilendo gli interventi diretti a diminuire i consumi energetici degli immobili e dell'illuminazione pubblica e in via mediata ad alcuni investimenti per la riconversione delle luci al mercurio con quelle più efficienti legate alla tecnologia LED.”

Infatti proprio in questi giorni la ditta specializzata andrà a cambiare  circa 200 corpi illuminanti in alcune zone del territorio. Ecco quali sono: Via Cerbincelli, Via Matassi, Via Dei Guardiani, Via Spirito Santo, Via Poggio del sole, Via Guerri, Via Molin Bianco , Via del Gioco, Via Bruciamacchie, Via del Comune o via vecchia di Viaio, Via Vasari San Leo, Via L.B. Alberti San Leo, Via L. Magno San Leo, Loc. Viaio Centro, La Chiassa, Via Procelli,  Via della Chiesa Tavernelle, Via Dei Tintori Tavernelle, Viao Fassitano e Bagnolino di Ponte alla Piera,Via Nomi, Via Capitini, Via Marinari, Via Montebello, Viale Martiri Antifascisti ( parcheggio) - Via P. Pasolini

Queste si aggiungono agli interventi già realizzati negli ultimi anni. Ad Anghiari infatti  i primi interventi di riconversione degli impianti di illuminazione pubblica risalgono al 2017. Ma c’è ancora molto da fare. Entro il 2024, di questi passi, dovremmo raggiungere l’obiettivo di efficientare la gran parte degli impianti della pubblica luce. 

“Non si è intervenuti sui pali, ma solo sul corpo luminoso, il che ha reso tale scelta estremamente vantaggiosa in termini economici, e responsabile in termini ecologici stante il riuso degli stessi – ha concluso Maggini - il passaggio dalla vecchia tecnologia a quella LED, permette al Comune di assicurarsi notevoli risparmi energetici,  si stima fino ad un 70% della precedente spesa sul costo dell’energia inoltre con una resa luminosa migliore, essendo i LED privi di infrarossi ed ultravioletti e minori costi di manutenzione considerando che mediamente il ciclo vita di una lampada a led è di 50.000 ore, tre volte tanto quella delle lampade tradizionali”.

Tags: Anghiari crisi energetica