Ubi Banca, Manella: "Siamo l'istituto di riferimento in molte piazze, partita la ristrutturazione delle filiali"

. Inserito in Economia

Il responsabile della Macro Area Territoriale Lazio, Toscana e Umbria, Silvano Manella ha commentato positivamente la relazione finanziaria semestrale di UBI Banca

In un contesto in evoluzione, risultano significativi i risultati raggiunti nei primi nove mesi dell’anno nelle tre regioni del Centro Italia con un andamento in linea con il miglioramento delle performance della banca rispetto allo scorso anno, come dichiarato nelle scorse settimane da Victor Massiah, Consigliere Delegato di UBI Banca.

Il trend di crescita del nostro istituto nei territori della Macro Area Lazio, Toscana e Umbria, è proseguito anche nel terzo trimestre dell’anno, andando a posizionare la nostra Banca come istituto di riferimento in molte delle piazze che serviamo. Aree che ci stanno dando soddisfazioni in relazione alla crescita della clientela sia in termini di teste che di volumi con un incremento a doppia cifra rispetto all'anno precedente per l'erogazione di finanziamenti a imprese e famiglie. Abbiamo lavorato alacremente, con gli oltre 1876 dipendenti della macro area per sostenere l’imprenditoria  e le famiglie di queste regioni con risultati rilevanti nel periodo: in Toscana, Umbria e Lazio, abbiamo complessivamente erogato finanziamenti per oltre 700 milioni con una crescita a doppia cifra, rispondendo in maniera pronta e fattiva alle richieste di accesso al credito sia da parte delle famiglie  che da parte degli imprenditori.

Importante il supporto offerto in queste aree ai vari distretti produttivi tra cui si segnala il distretto orafo di Arezzo con un trend positivo soprattutto sui prodotti a breve termine.

UBI Banca ha recentemente avviato la commercializzazione dei servizi dedicati al settore su tutti i distretti orafi italiani e ampliato a tutta la rete delle filiali dell’istituto anche l’offerta di prodotti e servizi in oro da investimento.

Impostazione che testimonia come UBI Banca operi per la crescita della base di impieghi e a favore dell’economia locale a fronte anche della conclusione di importanti accordi come ad esempio quello per l’industria 4.0 con Confindustria insieme alla collaborazione per il progetto Elite, il programma di Borsa Italiana dedicato al rafforzamento delle strategie di crescita delle imprese, oltre all’accordo per il welfare aziendale con API Siena.

Importanti gli sforzi che la Banca ha continuato a fare anche a favore degli enti no profit come testimoniato anche dal lancio del primo social bond in Toscana da 5.475.000€ a favore del CALCIT di Arezzo per il progetto “Breast Cancer Unit – Centro di Senologia di Arezzo”.

In ottica di evoluzione del servizio alla clientela, è andato a regime il nuovo modello distributivo che ha dato risultati in termini di ulteriore supporto tramite team specializzati a seguire le molteplici esigenze di imprese e della clientela privata, con particolare attenzione ad uno specifico supporto offerto in filiale dalla figura dell’assistente digitale con l’intento di agevolare al il cambiamento digitale e tecnologico che la clientela sta affrontando all’insegna della massima sicurezza e snellezza dei rapporti.

Sempre nel segno dell’innovazione, la Banca in questo triennio 2018-2020 sta attuando un importante piano di ristrutturazioni per oltre 700 filiali di cui una decina in Toscana (4 a Firenze, 3 a Siena, 4 ad Arezzo), 33 nel Lazio e 7 in Umbria. Interventi che, oltre a rendere più confortevoli gli ambienti di incontro tra i dipendenti della Banca e la clientela, prevederanno layout e arredi innovativi, tanti supporti tecnologici, wifi libero per la clientela insieme a schermi digitali e nuove casse automatiche per permettere al cliente di gestire in autonomia la quasi totalità delle operazioni di cassa con estrema semplicità.

Un andamento complessivo, in termini di risultati che di rapporti sul territorio, che dimostra come il rafforzamento dell’operatività di UBI Banca nelle tre regioni di cui sono responsabile sia ampiamente soddisfacente per tutti gli stakeholders”.

 

Tags: Ubi Banca

Redazione Arezzo24

Redazione Arezzo24