Periferie, solo generiche promesse, nessuna soluzione. Continua il rimpallo tra Governo e maggioranza

. Inserito in Camera e Senato

Mugnai e D'Ettore: "Da Conte solo promesse generiche, non ha indicato tempi e modalità. Investimenti prioritari, presenteremo un ordine del giorno al Milleproroghe che impegna il governo a fare marcia indietro"

Nella serata di ieri, il presidente del consiglio Giuseppe Conte ha trovato un’intesa con la delegazione Anci con la promessa di ripristinare in tre anni i fondi per i progetti “già in fase avanzata”, attraverso lo strumento del “primo decreto utile”. 

“Ho ascoltato con grande disponibilità le istanze dell’Anci - ha dichiarato in una nota il presidente del Consiglio Conte - e con i sindaci presenti ho condiviso l’obiettivo di avviare un percorso per giungere alla migliore soluzione possibile e nei tempi più rapidi. La soluzione che intendiamo adottare è quella di inserire nel primo decreto utile una norma che di fatto dia la possibilità di recuperare la realizzabilità dei progetti già in fase avanzata”.

“Abbiamo trovato una soluzione, il principio è salvo, i fondi per il bando periferie sono tutti salvi”, ha confermato il presidente dell’AnciAntonio Decaro.

Non tutti però sono della stessa opinione, sostenendo che l’intesa, al posto di una proposta concreta, avrebbe portato solo a “generici impegni futuri”. Tra gli scettici anche i parlamentari aretini di Forza Italia Stefano Mugnai e Maurizio D’Ettore, che in una nota congiunta dichiarano:

“Continua il rimpallo tra Governo e maggioranza sulle periferie. Dopo avere eliminato il fondo con il Milleproroghe in Senato, bocciato ogni emendamento nel merito alla Camera, il Presidente del Consiglio Conte, incontrando i rappresentanti dell’Anci, non ha rassicurato né sui tempi, né sui modi del ripristino dei fondi, facendo tuttavia promesse di "futuri" provvedimenti di contenuto esattamente contrario alle norme votate in commissione alla Camera e sulle quali lo stesso governo ha posto la fiducia ! Allo stato, un miliardo e seicento milioni di euro sono sottratti alla sicurezza ed al decoro delle zone periferiche delle città. Un’ingiustizia, l’ennesima, nei confronti dei Comuni. Forza Italia non demorde. Per noi questi investimenti restano prioritari. E proprio per questo presenteremo un ordine del giorno al Milleproroghe che impegna il governo a fare marcia indietro”.

Lo affermano, in una nota, i deputati di Forza Italia Stefano Mugnai e Felice Maurizio D’Ettore.

Tags: Maurizio D'Ettore Stefano Mugnai Milleproroghe