“Festa della Toscana”, l’omaggio del sindaco di Sansepolcro ai 18enni

. Inserito in Attualità

Inviata copia della Costituzione e del “Manifesto della comunicazione non ostile”.

SANSEPOLCRO – Sono 115 i nuovi maggiorenni di Sansepolcro che in questi giorni stanno ricevendo per posta un plico contenente la Costituzione Italiana e il “Manifesto della Comunicazione non ostile”.

L’ha inviato il sindaco Fabrizio Innocenti in occasione della “Festa della Toscana”, che quest’anno ha come tema: “Dall'abolizione della pena di morte alla lotta ai linguaggi d'odio: la Toscana terra di diritti".

La lotta al linguaggio di odio è un impegno che l’amministrazione comunale si è presa un anno fa quando ha sottoscritto il “Manifesto della Comunicazione non ostile”, cioè una Carta che elenca i dieci princìpi utili a migliorare lo stile e il comportamento di chi sta in Rete. Il sindaco ha quindi voluto ribadire questo impegno, anche considerando che sono proprio i giovani i maggiori fruitori del Web.

Ecco alcuni passaggi della lettera del sindaco:

“A Voi neomaggiorenni va il benvenuto della città, di tutta l’Amministrazione e mio personale.  Il conseguimento della “maggiore età” è un passaggio fondamentale della vita, grazie al quale il giovane, sempre affiancato e sostenuto dalla famiglia, può iniziare a costruire autonomamente il proprio futuro e prendere  parte alla vita amministrativa e politica della città, mettendo al servizio della comunità idee, iniziative ed energie.

Come amministrazione comunale reputiamo importante consegnarVi la Costituzione dell’Italia, che prescrive ai cittadini i principali diritti e doveri.  Con essa Vi consegniamo anche  il manifesto della “Comunicazione non ostile”,  adottato dal Comune di Sansepolcro nel Dicembre dell’anno scorso. Esso è il frutto di un lavoro di partecipazione collettiva, cui hanno contribuito esperti della comunicazione, del marketing, del giornalismo e della rete dei “social”.  Sottoscrivendolo, il  nostro Comune  si è impegnato a darne attuazione nelle sue attività e  a divulgarne il contenuto, al fine di contribuire all’uso di un linguaggio ispirato al dialogo con tutti.

La Costituzione italiana afferma l’inviolabilità dei diritti umani: il diritto all'integrità fisica della persona e quindi, per prime, alla vita e alla salute; i diritti di libertà (di religione, espressione del proprio pensiero, associazione e riunione).  Riconosce la famiglia e afferma i diritti dei minori, il diritto di tutti all’istruzione, la piena libertà delle arti e delle scienze. Proclama i diritti “sociali”, che hanno anche valore di programma politico-sociale per guidare la società italiana verso obiettivi d'uguaglianza sostanziale. Infine, la Costituzione riconosce i diritti “politici”, non meno importanti per la piena realizzazione della persona,  primo fra tutti il diritto di voto, ma anche il diritto di partecipazione attiva alla vita politica e quello di conseguire, da parte di ognuno, le più alte cariche dello Stato, fino a quella del Presidente della Repubblica: ecco il significato di “Repubblica democratica fondata sul lavoro”, solennemente proclamato all’articolo 1.

Leggere, e quindi conoscere, la Costituzione può contribuire alla Vostra educazione come persone capaci di sentirsi cittadini attivi, che esercitano i propri diritti  e rispettano i doveri inderogabili della società di cui fanno parte: ad ogni livello, da quello familiare a quello scolastico, da quello locale e regionale a quello nazionale, da quello europeo a quello mondiale”. 

Tags: Sansepolcro Festa della Toscana