Una lettera, una maschera e ramoscelli d'ulivo: i detenuti della casa circondariale per la Casa Pia

. Inserito in Attualità

La Pasqua della Casa Pia arricchita da tanti gesti di vicinanza e affetto. Dolciumi e generi alimentari sono stati donati da consiglio di amministrazione e singoli cittadini

AREZZO – Una Pasqua di rinnovata serenità per la Casa di Riposo “Fossombroni”. Le recenti festività sono state arricchite da una serie di gesti di generosità da parte di istituti o di singole persone che hanno ribadito la vicinanza e l’affetto della città nei confronti degli ospiti e degli operatori della storica struttura aretina con sede in Piaggetta Faenzi. Lettere, oggetti artigianali, dolciumi e altri alimenti, oltre alle tradizionali videochiamate verso parenti e amici, hanno caratterizzato il periodo pasquale vissuto dai residenti della casa di riposo che sono stati i destinatari di un bel moto di solidarietà che si rinnova e consolida anno dopo anno.

Uno dei gesti maggiormente significativi ha visto per protagonista la casa circondariale di Arezzo che, da tempo, coltiva proficui rapporti di collaborazione con la Casa Pia che sono stati interrotti da oltre un anno a causa dell’emergenza sanitaria. La lontananza fisica è stata superata da una forte vicinanza emotiva, con i detenuti del carcere cittadino che hanno inviato agli anziani un emozionante messaggio di auguri, ramoscelli di ulivo, una maschera realizzata artigianalmente durante un laboratorio e altri doni. “Con un umile e piccolo gesto”, riporta l’apertura della lettera scritta dei detenuti, “vogliamo farvi sentire il nostro affetto”.

Un contributo alla tavola della festa è arrivato con colombe, panine e vari generi alimentari che sono stati consegnati da Antonio Rauti, consigliere dell’istituto con delega al sociale, e dai coniugi Luca Veneri e Laura Quirini, mentre la tradizione del maxi-uovo di cioccolato di Vestri è stata rinnovata con una donazione ai residenti ad opera del consiglio di amministrazione della casa di riposo. Il legame tra gli ospiti e i parenti, infine, è stato garantito dal proseguo del progetto “Video Chiamiamoci” che, da oltre un anno, prevede un programma di videochiamate con smartphone e tablet che è stato intensificato nel corso delle festività con l’obiettivo di mantenere una comunicazione costante e un contatto virtuale tra familiari. «Ogni gesto di generosità è un sorriso per i nostri ospiti - commenta la presidente Debora Testi, - dunque torniamo a ringraziare aziende, cittadini e istituti per la vicinanza e l’affetto che vengono puntualmente dimostrati. Stiamo mantenendo alta l’attenzione verso le rigide misure di sicurezza imposte dal periodo, ma l’impegno del consiglio di amministrazione e del personale della struttura è stato orientato a far passare ai nostri residenti una Pasqua in cui cogliere il vero significato della festività tra solidarietà, serenità e possibilità di interloquire con i familiari, vivendo un momento estremamente necessario sia per loro che per i parenti».

Tags: Casa Pia Casa di riposo Fossombroni