Una spada nella roccia a sorpresa in Casentino, è mistero sull'autore

. Inserito in Attualità

Il sindaco di Castel Focognano Lorenzo Remo Ricci racconta come è avvenuto il ritrovamento e invita l'autore dell'opera - al momento sconosciuto - a svelare la sua identità. Alla base della roccia una targa di metallo con un messaggio di incoraggiamento rivolto a tutti i passanti e le iniziali N.M.

"Premetto che quello che vi sto dicendo è frutto di una riflessione, in quanto l'opera l'ho vista con voi nella foto. La foto in questione mi è stata inviata da un concittadino che, nel fare un'escursione nel Poggio Maggio - collinetta che affianca l'abitato di Rassina e Pieve a Socana -, si è imbattuto in questa splendida spada infilata nella roccia, issata solo da tre giorni (come si vede nella targa che riporta la data del 21 maggio 2020) da un cittadino che al momento è voluto rimanere anonimo, anche dopo varie sollecitazioni fatte dal sottoscritto su Facebook.

Questa spada nella roccia ci ricorda la leggendaria Excalibur. Voglio pubblicamente complimentarmi con l'autore dell'opera, pregandolo di uscire allo scoperto, in quanto ai piedi della stessa ha messo una targa alquanto significativa per ricordare ai posteri questo brutto periodo della nostra storia e le sue parole hanno un significato importante, che riassume insieme all'opera questo tempo di COVID. Queste sono le parole incise ai piedi della scultura: 'Dopo ogni momento difficile la vita riserva sempre nuove sorprese. Fidati, il meglio deve ancora arrivare', facendo chiaramente riferimento a questo virus che ha chiuso in casa per settimane le nostre persone".

Tags: Rassina Lorenzo Remo Ricci Comune di Castel Focognano