Oliver Stone in visita agli affreschi di Piero della Francesca: un premio Oscar testimonial di Arezzo

. Inserito in Arte

Per Arezzo un testimonial d'eccezione, tra i più grandi della storia del cinema: il grande regista statunitense, ospite del conte Borghini Baldovinetti, ha fatto visita ai capolavori di Piero della Francesca, con la storica Liletta Fornasari in qualità di guida d'eccezione. 

What a big surprise! Giornata aretina per Oliver Stone, uno dei più grandi registi della storia del cinema: ha visitato la Basilica di San Francesco ad Arezzo e lo splendore delle "Storie della Vera Croce", il ciclo di affreschi di Piero della Francesca presenti nella cappella.

Chi come Stone, per tutta la vita ha avuto a che fare  con la bellezza del cinema, non poteva restare immune di fronte ai capolavori aretini.

Ospite del conte Borghini Baldovinetti, che lo ha accompagnato nella visita, il Maestro Oliver Stone è stato accolto dalla responsabile aretina di Munus Ilaria Pugi e ha avuto come "cicerone" d'eccezione la storica dell'arte Liletta Fornasari.

Il 73 enne regista, sceneggiatore, produttore cinematografico e anche attore, è rimasto estasiato dalla bellezza del luogo e ha promesso di tornare ancora in visita ad Arezzo.

Stone ha diretto oltre venti pellicole, tra le più note "Platoon", "Wall Street", "Nato il 4 luglio", "JFK - Un caso ancora aperto", "Gli intrighi del potere". Tanti i riconoscimenti della sua straordinaria carriera, basti ricordare, tra gli altri, che con Platoon e Nato il 4 luglio ha vinto due Oscar come miglior regista, Oscar per la migliore sceneggiatura per "Fuga di mezzanotte".

Per Arezzo un premio Oscar come testimonial di livello mondiale, per rafforzare e consolidare appeal e crescita turistica.

 

Tags: Basilica di San Francesco Piero della Francesca Oliver Stone

Guido Albucci

Guido Albucci

Di tante passioni, di molti interessi. Curioso per predisposizione, comunicatore per inclinazione e preparazione