Consorzio di Bonifica, summit dei dipendenti a Officine Capodarno

. Inserito in Ambiente

La presidente del CB2 Serena Stefani ai dipendenti: "Abbiamo dimostrato efficienza e capacità professionali. Possiamo crescere ancora! Siamo una squadra e questo ci ha permesso di superare un 2019 complesso".

È il fulcro dell'intervento con cui Serena Stefani, presidente del Consorzio 2 Alto Valdarno, prima dell'avvio del 2020, ha illustrato ai dipendenti gli obiettivi e i progetti per il futuro, a cominciare dall'originale giornata di formazione che coinvolgerà tutti i lavoratori dell'ente, compresa la squadra della bonifica proveniente dall'Unione dei Comuni Montani del Casentino.

"Il 2019 è stato un anno contrassegnato dalle novità. Con le elezioni di aprile è cambiata la governance", ha detto allo staff riunito insieme a lei, al vicepresidente Leonardo Belperio, al terzo componente dell'ufficio di presidenza Ginetta Menchetti e al direttore generale Francesco Lisi. "La nuova assemblea, poi il mio arrivo alla presidenza e quello di Leonardo alla vicepresidenza, la nomina del 'nuovo' direttore, la cui riconferma per la prima volta in seguito alla modifica della legge regionale è stata rafforzata dall'intesa manifestata dal presidente Enrico Rossi; tanti mesi di lavoro  intensi e impegnativi...Davanti un percorso tutto da costruire, insieme. Con il direttore abbiamo pensato di rimandare il tradizionale appuntamento formativo-informativo prenatalizio al 14 gennaio 2020 per ultimare il percorso di inserimento delle figure professionali provenienti dall'Unione dei Comuni Montani del Casentino e avere a disposizione l'organico al completo. La presenza di queste risorse all'interno della nostra struttura infatti è preziosa perché ci consentirà di gestire in modo diretto alcune attività che consideriamo strategiche e di superare le convenzioni con le Unioni dei Comuni, che non si sono dimostrate strumenti adeguati per una gestione del reticolo efficiente ed efficace", ha spiegato la presidente.

Ed eccoci al giorno del summit. Domani gli uffici di via Rossi ad Arezzo restano chiusi e i dipendenti si trasferiscono tutti alle Officine Capodarno, nel cuore del Casentino, dove ha sede il centro di formazione per l'imprenditoria montana, per la giornata di incontro, confronto e scambio organizzata con un format volutamente innovativo, interattivo e partecipato.

"Il potenziamento dell'organico", ha aggiunto la presidente annunciando l'iniziativa, "renderà necessario un sistema di comunicazione interna più organizzato, indispensabile per centrare nel 2020 alcuni obiettivi già chiari e delineati. Eccoli in sintesi. Il primo: valorizzare le professionalità tecniche ed amministrative disponibili all'interno dell'ente, che ogni giorno dimostrano preparazione e competenza. Con la loro collaborazione, contiamo di gestire direttamente la progettazione delle manutenzioni, la direzione dei lavori e tutti gli atti amministrativo-contabili e finanziari ad essi collegati. Il secondo: organizzare il lavoro in modo da riuscire a completare gli affidamenti entro il mese di luglio 2020, per accelerare il più possibile la realizzazione degli interventi e quindi per affrontare il periodo autunnale con maggiore serenità, rispettando senza affanni il cronoprogramma annuale. Il terzo: procedere con lo sviluppo della rete irrigua, completando la progettazione degli interventi con le professionalità interne".

"Obiettivi ambiziosi? ", ha commentato Stefani, "certo, ma alla portata del nostro Consorzio che, seppure dotato di una struttura snella, ha dato prova di efficienza, capacità e tempismo, anche nei momenti più critici e difficili, come quelli seguiti all'alluvione del mese di luglio. Se il 2019 è stato l'anno delle novità, il 2020 sarà l'anno della crescita. Organizzazione e collaborazione sono le parole che dovranno guidare l'azione dell'ente che, per migliorarsi, conta sulla capacità di tutti di fare squadra!", ha concluso la presidente.

Tags: Consorzio di Bonifica 2 Alto Valdarno Serena Stefani